Jujitsu: l’arte marziale della flessibilità

Jujitsu: l’arte marziale della flessibilità

Il Jujutsu, conosciuto anche come jujitsu, è l’arte marziale giapponese della flessibilità. Il termine Jutsu vuol dire letteralmente metodo, arte e tecnica e si associa a “ju” che significa cedevole, flessibile e morbido. L’associazione di queste due parole indica la particolarità di esecuzione. In passato il jujitsu era praticato dai bushi (guerrieri) che se ne servivano per annientare i rivali provocandone anche la morte, con armi o a mani nude. Questa arte marziale insegna che è necessario assorbire l’energia dell’attaccante e tramite l’armonia e il controllo restituire la stessa energia. Le tecniche di base del jujitsu seguono il principio di “Ju” (morbidezza, elasticità) ovvero di “non resistenza”: l’attacco viene reso inefficace assecondando la forza dell’avversario, intercettandola al momento iniziale del movimento oppure evitandola per mezzo di una schivata.

jujitsu

  • Atemi: percussioni, portate con le mani, i piedi, i gomiti o le ginocchia a colpire i punti vitali.
  • Gyaku: lussazioni, leve, torsioni o slogatura delle articolazioni.
  • Nage: proiezioni, sbilanciamenti a terra dell’avversario.
  • Osae: immobilizzazioni e controllo dell’avversario, sia a terra che in piedi.
  • Shime: strangolamenti e soffocamenti.

Gli atemi vengono utilizzati soprattutto per indebolire l’avversario, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico, allo scopo di poter eseguire l’azione che ne consegue sfruttando l’energia introduttiva dell’attaccante. La pratica della tecnica si completa ad un livello più elevato con lo studio delle armi antiche dei samurai: i kodachi (spada corta), katana (spada lunga), hanbo (bastone corto) e chobo (bastone lungo). L’apprendista di jujitsu, tramite un primo approccio fisico alla tecnica, cercherà di colpire i punti di forza e di debolezza dell’avversario. In seguito, un approccio più approfondito insegnerà al praticante che occorre stabilire un legame fisico e mentale: nell’azione del combattimento i muscoli e la mente devono adattarsi a circostanze che possono variare continuamente.

Posted in GIOCHI E SPORT, home and tagged , .